Autorizzazione all’uso dei cookie

Tu sei qui

Tutti al S.Rocco prossimamente a vedere “Mezza Pasticca”, il film “di” e “su” Giorgia Benusiglio

Contenuto in: 

In queste settimane ci sono stati contatti fra il Polo Tecnico Professionale di Lugo e lo staff di Giorgia Benusiglio, la 36enne milanese, laureata in scienze della formazione primaria all’università Cattolica, la quale, nel 1999, è stata miracolosamente salvata da un trapianto di fegato per aver assunto una piccola quantità di ecstasy. Giorgia ha deciso di trasformare la sua esperienza in una lezione di vita, informando e parlando ai ragazzi dei rischi legati all’assunzione di droghe.

 

 

 

In un primo momento pensavano di organizzare un incontro-testimonianza, con la presenza della Benusiglio a Lugo, ma l’impossibilità di disporre di un palasport che possa contenere tutti i 1400 studenti del Polo, ci ha indotto a considerare il “piano B”, ossia di portare i nostri ragazzi al cinema, nella fattispecie al San Rocco di corso Garibaldi a Lugo.

A partire dalla metà di marzo, cominceranno in tutta Italia le proiezioni di “Mezza Pasticca”, il film che racconta la drammatica esperienza della giovane milanese, che ha alle spalle anche due libri: il primo dal titolo “Vuoi trasgredire? Non farti!”, scritto  in collaborazione con Renzo Agasso, edito dalle edizioni San Paolo (anno 2010), l’altro “Io non smetto”, Piemme, uscito ad ottobre scorso.

Orientativamente il costo del biglietto è di 4 euro, a carico dei singoli ragazzi partecipanti.

A questo punto le classi che hanno interesse ad approfondire l’argomento, dovrebbero prepararsi adeguatamente e comunicare classe e numero di partecipanti alla prof.ssa Monica Bacchini (monica.bacchini@gmail.com), referente in Istituto del Progetto di Educazione alla Salute, o al prof. Giovanni Baldini (gb.56@virgilio.it), addetto-stampa e alle P.R. Visti gli imminenti scrutini, i Consigli di classe possono eventualmente deliberare la partecipazione.

E’ estremamente importante conoscere entro metà febbraio numero delle classi (e soprattutto numero preciso di studenti), che intendono aderire all’iniziativa così da prendere precisi accordi con i gestori del cinematografo San Rocco.

Visto il tema e l’occasione si consiglia vivamente di partecipare.

«Questa è una storia vera – si legge in una nota della produzione –, liberamente ispirata alla terribile esperienza vissuta da Giorgia Benusiglio. Parliamo di droga. Ma non di tossicodipendenza, che è una condizione estrema e marginale, bensì del fenomeno più diffuso, e quindi socialmente molto più allarmante, che è l’assunzione occasionale. Soprattutto tra i giovani e i giovanissimi. Perciò è a loro che ci rivolgiamo. Nella speranza di scardinare ingenue convinzioni, del tipo: “una volta ogni tanto non fa male”. Renderli consapevoli di correre dei pericoli seri, che in un attimo potrebbero rovinarsi la vita, o distruggere quella di qualcun altro.

E ne vogliamo parlare perché, se consideriamo il quadro drammatico che ci mostrano le statistiche, evidentemente non se ne parla mai abbastanza». (gb)

Sito realizzato da Nadia Caprotti nell'ambito del progetto "Un CMS per la scuola" di Porte Aperte sul Web, Comunità di pratica per l'accessibilità dei siti scolastici - USR Lombardia.
Il modello di sito è rilasciato sotto licenza Attribuzione-Non commerciale-Condividi allo stesso modo 3.0 Unported di Creative Commons.